sesso, consultorio giovani di perugia
<Torna alla Home Lui>
*** Spazio Maschio, via XIV Settembre, Perugia - Orari: martedì dalle 15.00 alle 17.00 ***
 
L'ansia da prestazione
 
L’ansia da prestazione è una situazione per cui l’uomo, prima del rapporto sessuale, comincia a pensare a come potrà soddisfare la propria partner durante l’atto imminente, e , soprattutto, se lei sarà sufficientemente appagata dalla “prestazione”.

L’ansia prima di un rapporto è normale che sia presente, questo stato paradossalmente è utile al fine di migliorare la prestazione, il sangue viene così “sequestrato” dagli organi meno “nobili” per essere inviato in circolo, il cuore infatti aumenta i battiti per una miglior circolazione e siamo “tesi” al fine di superare l’ostacolo (pensate a cosa vi capita prima di un esame, sia scolastico, sia per la patente…).

Il problema subentra quando tutte le caratteristiche sopra elencate sono talmente forti che invece di aiutarci a superare l’ostacolo ci impediscono addirittura di affrontarlo, infatti sarebbe quasi meglio parlare di “angoscia da prestazione”.


Spesso infatti l’ansia da prestazione si manifesta con i primi rapporti, ma non solo... dato che per noi maschi ogni rapporto viene vissuto un po' come se fosse il primo, le ansie, le paure che abbiamo, spesso si ripropongono anche in quelli successivi.
In poche parole, mentre la prima volta per la donna la paura fondamentalmente è quella del dolore causato dalla perdita della verginità (che una volta persa è persa per sempre, quindi è un timore legato solo alla prima volta) per noi uomini le paure della prima volta rimangono invariate nel tempo dato che sono legate alla riuscita o meno della nostra performance.
  • sarò all’altezza?
  • cosa penserà di me se non sarò abbastanza virile?
  • durerò abbastanza?
  • mi prenderà per impotente?
  • è normale?
 

sono le domande più frequenti, domande alle quali ovviamente non si può avere una risposta, quantomeno immediata, e che fanno aumentare il livello di angoscia fino a creare una mancata erezione e il fallimento del rapporto sessuale.

Anche la paura di cosa possa pensare la partner è fondamentale, ci si assoggetta al giudizio dell’altro “in toto”.
Durante il rapporto sessuale, si è infatti nudi, non solo in senso fisico ma anche emozionale, la carnalità dell’atto ci riporta un po' a livelli meno razionali, più istintivi, e quasi animaleschi, se non accade così ecco l’ansia da prestazione, farò un buon lavoro?, questo prodotto riuscirà bene?, mi devo impegnare di più?, e tutte queste domande fanno in modo che si alimenti un circolo vizioso dal quale è difficile uscire.

E allora che fare?
Bisogna cercare di lasciarsi andare, pensare meno e agire più istivamente.
Sappiate che se non avete problemi fisici documentati è inutile ricorrere a farmaci specifici, né migliorano le vostre prestazioni né le dimensioni, ma il problema resterebbe perché la causa reale è costituita dai vostri pensieri.

Parlatene quindi, senza vergogna, con la vostra partner. Molto spesso il dialogo, anche se inizialmente può risultare difficile, aiuta più di qualsiasi altra terapia o farmaco.
Oppure parlane con un medico del consultorio, saprà tranquillizzarti sulla natura del tuo problema.
Vieni al consultorio!
 
Indice degli argomenti
Organi
Quanto ti conosci
Vado al massimo!
  >Le pene del pene...
  >Ragioniamo in branco?
  >S.O.S. - Come conquistarla
  >L'ansia da prestazione
Vivere il sesso
Masturbazione
Contraccezione
M.S.T.
>Pene e vagina
>Masturbazione
>Sesso
>Contraccezione
>M.S.T.
>"Psicologia"